Cursillos di Cristianità

Benvenuti nel sito ufficiale dei Cursillos di Cristianità – diocesi di Padova

Amico Eduardo

Eduardo Bonnin Aguilò, nasce a Palma di Mallorca il 4 maggio 1917 e lì muore il 6 febbraio 2008. 
Ha pensato, pregato e realizzato  i Cursillos.0001Wv
Era un giovane brillante, lettore instancabile, con eccezionali capacità di comunicare, con spiccato senso dell’umorismo e continue inquietudini culturali e religiose; i suoi amici lo ricordano sempre allegro e con un libro tra le mani.
Rettore del Primo Cursillo nel 1944, lo è stato in altri 65 dei primi 100 corsi.
E’ stato sempre presente nei momenti importanti del Movimento fino a quando l’età e le sue conseguenze non gli hanno impedito di spostarsi.
Se lo Spirito è il vero regista di questa nostra storia il protagonista umano è stato Eduardo Bonnin. (da “Cursillos – Storia e Carisma”)

Per tale ragione conoscere Eduardo, ascoltare la sua voce e le sue idee, è conoscere l’humus nel quale si è sviluppato il seme del Carisma; è comprendere le caratteristiche che lo contraddistinguono. E’ conoscere il Carisma Fondazionale.

E come per ogni amicizia ci predisponiamo ad ascoltarlo. Periodicamente condivideremo brevi frasi di Eduardo, il tempo di un caffè. Iniziamo:

  • L’amicizia suppone ed esige: ASCOLTO attento, ATTESA allegra, RICETTIVITA’ piena di speranza, ATTEGGIAMENTO di accoglienza calorosa, ATTESA capace di sognare. L’amico deve essere per l’amico come la pioggia per la campagna, come il calice per il fiore e come le braccia per la madre.
  • Dio si fa immediato e presente all’uomo come amore. E tutta quella maestà si trasforma in vicinanza e accondiscendenza. Colui che prima era il Signore adesso è l’amico. E colui che prima ci portava soltanto alla confessione dei nostri peccati ci porta ora alla proclamazione delle nostre possibilità. Non sperimentiamo più l’orrore di chi trema davanti al Santo, ma l’ardore di chi si sente ravvivato davanti all’Amico.
  • Ho tutto il tempo del mondo per ascoltarti; sei importante per me; e ciò che devi dirmi mi interessa.
  • La verità di Dio è Cristo che è l’unica verità che può chiarire la verità dell’uomo.
  • Per poter dire “credo”, “io credo”, è necessario essere disposti all’abnegazione, alla dedizione di se stessi; è anche necessario essere disposti al sacrificio, alla rinuncia, ad avere un cuore generoso.
  • Una delle cose che oggi complicano maggiormente, oggi già complicato di per sé, è il poco o nessun rispetto delle “acque territoriali” di ogni persona. Chiunque circola in esse senza chiedere il permesso opportuno.
  • Le domande vitali: Chi sono io? Che cosa voglio essere? Prendo la vita nelle mie mani o mi rifugio in falsi sistemi di sicurezza? Quali realtà della mia persona sono mie e quali ho negato o ignorato? Perché ho difficoltà ad essere fedele a me stesso?
  • In nessuna situazione ne circostanza è possibile conoscere completamente una persona. La persona è sempre più, molto di più, di quello che possiamo vedere o comprendere di lei; per quanto si riveli a noi, sempre lascia una parte misteriosa, sacra, luminosa, che non emerge in superficie, come un iceberg.
  • Per fare il bene  “bene” e’ necessario essere buoni, altrimenti il bene può far credere a chi lo esercita di essere in diritto di paternalizzare, di correggere, di riprendere o di imporre.
  • Dobbiamo conquistare le persone, non il loro mondo. Una persona vicina a Cristo può essere sposato/a, divorziato/a, separato/a. Portiamo le persone al Cursillo affinché Cristo, per mezzo nostro, mostri loro il cammino del bene, poi si vedrà che cosa ne segue… ma il nostro impegno è accompagnarle sempre. Quando domandi ad una persona più di quanto essa possa darti… la privi di ciò che essa potrebbe offrirti.
  • Bisogna avere sempre chiaro che l’Amore di Dio è una PRESENZA, non una idea. Si tratta di scoprire l’amore di Dio come presenza nella persona. Questo ci conduce verso una attitudine alla gioia. A noi tocca contagiare questa gioia, non convincere.
  • Il cristianesimo non è un evento in più della vita, ma è la grazia di prendere la vita come un evento.
  • La pietra angolare del Movimento dei Cursillos:”Che la persona incontri se stessa dove è, per giungere dove può”

    Ringraziamo per la collaborazione alla realizzazione di questo progetto don Giampaolo Muresu … e tanti altri amici.